fatti trovare, stella
non rifugiarti
in fiotti di rivalsa
non elevare torri
di difesa
non fuggire
su libri di facce
dov’è il vuoto
è qui il tuo posto
e tu lo sai

prendi ciò che è tuo
l’amore non teme
e viene
per essere accolto
un trofeo ambito
è vessillo
per cui si può lottare
per cui si vince
se lo si vuole
ma si deve credere
nella propria forza
nelle proprie braccia
e nello spirito
si deve volere,
se tu lo vuoi
diventa vero

lo so che
sei nascosta
lì, nel cespuglio di oleandri,
dietro la siepe d’alloro
lì, vicino al melograno
all’estremo confine del
giardino del nostro cuore,
che avevamo iniziato a
coltivare e che già c’è,
agli occhi stupefatti
di chi ci osserva

sì, gli altri già lo vedono
non chiudere i tuoi occhi
guardalo, è
splendente meraviglia
è già invidiata

E’ di fiori,
è di essenze profumate
questo posto,
è di frutti dolci
come un’Eden
in cui nulla è proibito

E’ di terra
umida e fertile
è di acque fresche
e limpide,
è di cielo chiaro,
primaverile giuramento

E’ un cinguettare
complice, ascolta,
è di voli giocosi,
osservali rapita
e una gazzella
dal mantello
liscio e lucente
vuole pascolarvi,
erba soave
la aspetta, e
il suo cerbiatto
l’attende, trepido

Annunci