Tag

,

Up date: 09.07.09

Ho rieletto i commenti e mi sono commossa. E’ stata una follia davvero ma magica e non me la dimenticherò mai. E che emozione nel rileggere i commenti di amici cari di Blog, in particolare quello di Nunzy, che conservo sempre nel cuore.

Up date: 12.11.08: (sua mail)

Racconto bellissimo…
[è sul tuo blog privato?]
Un bacio.
Grazie per queste parole.

Up date  10.11.08:

***venerdi 7 novembre ho girato a P. uomo sulla fune questo racconto:i***oggi 10.11.08 ha scirtto un post sul suo blog in cui conferma che non ha risolto se stesso***sarà…***il mio viaggio continua ma ho capito che su di lui cala davvero il sipario***SEI E RIMARRAI UN UOMO SULLA FUNE***ti auguro di essere felice***ti voglio bene tanto….****

Sono quasi le cinque e mezza della sera e la città si veste di una luce nuova, la mia città. Sono agitata, nel traffico della sera, emozionata e agitata al contempo. Ho qualche minuto di ritardo, ma c’è traffico. Nel mio essere emozionata sono tranquilla…forse un paradosso, ma io mi sento così.

Arrivo alla stazione e lo vedo. Lui, bellissimo! Elegante completo e impermeabile …dopo ha una cena di lavoro a Torino..classico look tenebroso e affascinante, formale e casual…non sono indifferente ai suoi occhi grigio azzurri e ai suoi capelli rossi…alla sua aria un pò triste e un po’ allegra…non voglio essere indiffirente, anche se questa è una regola di questo viaggio.

Sale, mi dà un bacio sulla guancia e iniziamo a chiacchierare…c’è traffico a quest’ora della sera.

C’è un velo di imbarazzo fra noi…abbiamo paura che la nostra magia ritorni…ma se magia è che torni…

Lui è venuto a riprendersi la macchina che ha lasciato per qualche giorno a casa mia…ha scelto un giorno in cui doveva andare a Torino…secondo me ha scelto proprio questa sera perchè aveva poco tempo da dedicarmi e quindi non aveva bisogno di mettere il timer…glielo dico…si altera leggermente…”non è vero”, dice …ma sa che non gli credo.

Andiamo direttamente al mio garage e tiriamo fuori la macchina, qualche minuto davanti a casa mia e tra noi si riaccende la magia…il cuore che gli batte forte forte…il desiderio di me sale, forte, fortissimo…io ho iniziato il mio viaggio e non lo bacio, non voglio baciarlo, lui prende la mia mano e ….

… tra noi un legame forte che non vogliamo sentire …

Prende la mia mano e se la mette al petto. E io, un pò arrogante gli dico: “non ce n’è bisogno”, lo so…

io che ho iniziato questo mio viaggio per capire, per capirmi…ieri sono caduta, ma non ho pianto, ero li sorridente, per terra, su questo sentiero…un amico mi ha detto: alza lo sguardo se non sai dove andare e segui la luce…ho alzato lo sguardo e ora seguo la luce…il mio viaggio continua!!!

Lui, deve risolvere sè stesso, ritrovare la sua parte mancante che si illumina a intermittenza, ma quando si illumina, s’illumina d’immenso…

Nella tranquillità della nostra intesa mi ha detto: “dovevamo vivere i momenti per quello che ci davano, ma non siamo stati capaci…se fosse un altro momento potremmo darci di più…magari non funzionerebbe, ma avremmo tanto da donarci…” sono convinta che ogni momento possa essere quello giusto…la vita è come il mare, bisogna prendere l’onda, ma le onde vanno viste e riconosciute, se no non le prenderemo mai…

Lui, che mi chiede se ci vediamo settimana prossima e io che gli rispondo:”” vediamo. Mi guarda e dice: “che vuoi da me”…ti propongo di uscire e tu mi rispondi così…e io sorrido..

Io, caduta sul mio sentiero…lui che mi risponde: “quando sarai più avanti nel tuo viaggio, se vorrai, me ne potrai parlare. Ora come ora non sai nemmeno tu dove stai andando…e comunque io il tuo viaggio non necessariamente  lo devo capire, è il tuo viaggio”

Lo guardo…il suo sguardo è quello del nostro magico incontro…il primo incontro…

Gli chiedo cosa pensa…”nulla” mi risponde….non è vero, lo so….

E’ ora che parta…il tempo è finito…prima di salutarlo, con un bacio sulla guancia gli dico: “non sei una persona fredda, hai solo paura di esternare ciò che provi…i tuoi occhi sorridenti e parlanti…si, ma quando sei con me”

Mi guarda, sorride, scendo e me ne vado…

Sono li, per terra, ci rimango tutta la notte…prima conservo il sorriso, poi sopravviene la paura del buio, della notte che incalza…penso al consiglio di un amico…trovo la luce, mi addormento.

Mi sveglio con il ricordo del magico momento passato con lui la sera prima…qualche minuto che nel mio cuore e nella mia mente, si dilata..”un altro momento magico e particolare, ricco di emozioni, trascorso con te”

Chiudo gli occhi e le foto più belle sono li nella mia mente…i suoi occhi che mi dicono che in quel momento è felice…io e lui insieme bellissimi…lui appoggiato alla sua moto e mi sorride…

Non capisco perchè la gente non voglia prendere l’onda…proprio lui che va in barca a vela…a volte bisogna rischiare di versare una lacrima o di fare un bel sorriso…rischiare per essere felici ancora…

Oggi, una giornata di sole…e il mio viaggio continua…

Annunci